Abbracciamo e diamo vita al concetto di comunità
Eventi
agosto: 2018
L M M G V S D
« Mag    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  
Seguici anche su
  • Facebook
  • Youtube
  • Twitter

VEICOLI ELETTRICI, DUE FACCE DELLA STESSA MEDAGLIA parte 2

Di Jacopo Lazzaro

 

ecoincentivi-auto-ecologiche-2013Continuiamo (e concludiamo) il primo argomento della nostra rubrica ambientale.

Nello scorso articolo ci siamo chiesti se, senza contare benefici/danni all’ambiente dei veicoli elettrici, convenisse o meno acquistarne uno. In effetti, bisogna constatare quanto tali veicoli abbiano un valore di mercato decisamente più alto di quelli a combustibile.

Sarà la novità, sarà che c’è chi vuole continuare a guadagnare su economie in continua espansione ed evoluzione. Ecco alcune domande che chiariranno decisamente il lato economico di questi mezzi:

  • Ad esempio, quanto costa ricaricare un veicolo elettrico? In due tabelle illustriamo prima i consumi, e successivamente il costo delle ricariche.
OGGETTO TEMPO DI ASSORBIMENTO ASSORBIMENTO
Lampadina 100 Wh 8 ore 0,8 kWh
Automobile elettrica 8 ore 2,4 kWh

 

introFatevi quattro risate: le ricariche di un veicolo elettrico possono essere paragonate ai consumi di 4 televisori al plasma.

 

 

 

 

VEICOLO CHILOMETRAGGIO COSTO CARBURANTE/litro COSTO CARBURANTE/100 km
Auto benzina 100 Km 1,62/1,65 € 13 €
Auto diesel 100 Km 1,52/1,55 € 9 €
Auto elettrica 100 Km / 3 €

I dati benzina e diesel si riferiscono a citycar o utilitarie

  • La bolletta elettrica aumenterà? Quando posso ricaricare? In quali orari?

Il veicolo può essere messo sotto carica in qualunque momento, le batterie non soffrono dell’effetto memoria, né dissipano energia quando il motore è spento. Come per gli elettrodomestici, in caso di tariffa bi-oraria, è più conveniente ricaricare la notte, quando il picco di domanda di energia è più basso.

  • Perché le auto elettriche sono più “pulite” di quelle a combustibile?

Le auto elettriche hanno un utilizzo di energia molto più efficiente rispetto ai mezzi termici, e questo contribuisce a renderle più “pulite” e sostenibili. Infatti l’elettrico, ha un’efficienza di utilizzo dell’80% circa, contro un 20% di efficienza dell’auto termica (il resto viene dissipato durante la combustione necessaria a produrre energia).

  • Vi sono incentivi nell’acquistare un veicolo a basse emissioni?

Of course.

Gli incentivi auto 2014 non privilegiano esclusivamente la mobilità elettrica ma tutte le vetture che hanno emissioni di CO2 inferiori a 120 g/km, prevedendo uno sconto del 15% del costo complessivo del veicolo con un tetto massimo di:

EMISSIONI CO2 SCONTO
Inferiori a 50 g/Km 3500 €
Inferiori a 95 g/Km 3000 €
Inferiori a 120 g/Km 1800 €

 

Per accedere agli incentivi sull’acquisto di un’auto elettrica non è necessario alcun tipo di rottamazione. E’ importante sapere che: tutti possono accedere agli incentivi auto elettrica, sono validi solo fino a esaurimento scorte, il concessionario non è obbligato ad applicare lo sconto, in questa evenienza sarà opportuno consultare un altro concessionario aderente agli eco incentivi, per accedervi non è necessario rottamare un veicolo.

In caso non bastasse, veniamo in vostro soccorso con link utili per chi è interessato nell’acquisto di una vettura elettrica:

Le auto Mercedes a basse emissioni, incentivi sull’acquisto dell’auto elettrica Nissan Leaf, elenco completo delle auto ibride in commercio in Italia, Colonnine Ricarica Auto Elettriche, Ministero per lo Sviluppo Economico, sito per la prenotazione degli incentivi auto 2014.

 

Con questo corposo articolo si chiude il tema della scelta dell’autoveicolo. Speriamo di essere stati completi, il più possibile oggettivi e soprattutto esaustivi. Come avrete notato anche dagli articoli precedenti, perché è anche la nostra filosofia di pensiero, scegliere è facile quando si tiene in considerazione solamente il proprio tornaconto immediato. Imporsi con decisione e compiere una scelta in nome dell’ambiente, del progresso e del domani, invece, è tutt’altra cosa. Abbiamo dimostrato che, nonostante i pro ed i contro, scegliere in favore dell’ambiente senza spendere un capitale è possibile, e pian piano anche l’Italia premia questi automobilisti coraggiosi.

Commentate l’articolo, lasciate la vostra opinione ed aiutate questa community ad espandersi. Vi aspettiamo numerosi su Facebook e Twitter per lanciare una discussione sull’argomento, e magari raccontare una vostra personale esperienza al riguardo!

State connessi ad Ascolto e Azione, prossimamente la continuazione della rubrica.

Nella prossima puntata, PROPOSTE DI OGGI PER SOPRAVVIVERE DOMANI; scoveremo proposte, idee ed iniziative utili e raggiungibili a tutti, che faranno della vita un processo più ecosostenibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *