Abbracciamo e diamo vita al concetto di comunità
Eventi
maggio: 2018
L M M G V S D
« Apr    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  
Seguici anche su
  • Facebook
  • Youtube
  • Twitter

RIVOLUZIONE 730/2015

di Nens Meraja

730A partire dal 15 aprile 2015 per circa venti milioni di pensionati, lavoratori dipendenti e assimilati sarà disponibile il modello 730 precompilato: da quest’anno i contribuenti italiani avranno a disposizione la dichiarazione dei redditi già compilata, in tutto o in buona parte.


 

COS' È IL 730 PRECOMPILATO

L'Agenzia delle Entrate , utilizzando le informazioni disponibili in Anagrafe tributaria, mette a disposizione di lavoratori dipendenti e pensionati la dichiarazione dei redditi già compilata; in pratica, un modello 730 che può essere accettato dal contribuente così com'è, oppure modificato e/o integrato prima dell'invio.

Il contribuente che riceve la dichiarazione dei redditi precompilata non è obbligato ad utilizzarla. Può, infatti, presentare, con le modalità ordinarie, il modello 730 o il modello Unico persone fisiche.

.

download (2)COME SI ACCEDE

Il 730 precompilato è disponibile online nel nuovo portale dedicato ai 730 precompilati, segue link in descrizione: (https://info730.agenziaentrate.gov.it/portale/web/guest/home) ,

a partire dal 15 aprile, utilizzando il Pin di Fisconline o quello dispositivo dell'Inps, oppure, la Carta Nazionale dei servizi.

Nella stessa area telematica sarà possibile:

  1. visualizzare la dichiarazione;
  2. accettarla e inviarla senza modifiche;
  3. modificarla (inserendo, per esempio, le spese mediche o altri redditi);
  4. inviarla dopo averla modificata.

 

QUALI DATI CONTIENE

Per la predisposizione della dichiarazione 730/2015 precompilata sono stati utilizzati:

·         i dati contenuti nella Certificazione Unica – che ha preso il posto del Cud – consegnata al dipendente o pensionato dal sostituto d'imposta (datore di lavoro, ente pensionistico) e inviata da quest'ultimo all'Agenzia delle entrate.
Nella Certificazione Unica è indicato, per esempio, il reddito di lavoro dipendente o di pensione, le ritenute Irpef, le trattenute di addizionale regionale e comunale, i compensi di lavoro autonomo occasionale e i dati dei familiari a carico;

·         i dati relativi agli interessi passivi sui mutui, ai premi assicurativi e ai contributi previdenziali, che vengono comunicati all'Agenzia delle Entrate da banche, assicurazioni ed enti previdenziali;

·         alcuni dati contenuti nella dichiarazione dei redditi dell'anno precedente (per esempio le spese che danno diritto a una detrazione da ripartire in più anni, come quelle sostenute per interventi di ristrutturazione);

·         altri dati presenti nell'Anagrafe tributaria (per esempio i versamenti effettuati con il modello F24, le compensazioni eseguite e i contributi versati per lavoratori domestici).

 

PAGAMENTI E RIMBORSI

  • Se dalla dichiarazione emerge un credito o un debito il relativo rimborso o trattenuta avviene con le stesse modalità del 730 ordinario.
  • Quindi, se dal 730 precompilato, accettato senza modifiche oppure modificato, emerge un credito da rimborsare, il contribuente otterrà il rimborso direttamente dal datore di lavoro o dall'ente pensionistico. Se, viceversa, emerge un debito, il datore di lavoro o l'ente pensionistico effettuerà la trattenuta. La somma sarà accreditata (o trattenuta) nella busta paga o nella rata di pensione a partire, rispettivamente, da luglio e agosto/settembre

 

A CHI INTERESSA

Il 730 precompilato è messo a disposizione di lavoratori dipendenti (anche senza sostituto tenuto a effettuare il conguaglio) e pensionati che:

·         hanno presentato il modello 730/2014 (ed eventualmente anche i quadri RM, RT e RW) o il modello Unico PF/Unico mini/2014, pur avendo i requisiti per presentare il modello 730

·         hanno ricevuto dal sostituto d'imposta la Certificazione Unica 2015 (che da quest'anno ha sostituito il Cud) per i redditi di lavoro dipendente e assimilati e/o per i redditi di pensione percepiti nell'anno 2014, e tale Certificazione Unica è stata trasmessa, nei termini, all'Agenzia delle Entrate. Ne consegue che se il datore di lavoro non ha trasmesso la Certificazione Unica all'Agenzia delle Entrate, il 730 precompilato non è disponibile e la dichiarazione modello 730 andrà presentata con le modalità consuete.

Eccezioni

Il 730 precompilato non viene predisposto: 

·         se, con riferimento all'anno d'imposta 2013, il contribuente ha presentato dichiarazioni correttive nei termini o integrative, per le quali, al momento della elaborazione della dichiarazione 730 precompilata, è ancora in corso l'attività di liquidazione automatizzata;

·         per i contribuenti che hanno avuto una partita Iva attiva almeno per un giorno nel corso del 2014 (a eccezione, come chiarito nel paragrafo precedente, dei produttori agricoli in regime di esonero);

·         per i contribuenti deceduti alla data di elaborazione della dichiarazione precompilata;

·         per i contribuenti minorenni;

·         per i contribuenti legalmente incapaci.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *