Abbracciamo e diamo vita al concetto di comunità
Eventi
aprile: 2018
L M M G V S D
« Mar    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  
Seguici anche su
  • Facebook
  • Youtube
  • Twitter

Notizie sull’usura e sull’anatocismo

Il denaro, a qualunque titolo ci sia stato concesso, alimenta sempre un duplice obbligo:

  • la restituzione della somma prestata
  • il pagamento di una somma aggiuntiva

L’attività svolta dagli Intermediari Finanziari è regolamentata da una serie di disposizioni volte a garantire la regolarità del rapporto con il consumatore; il ruolo degli Intermediari Finanziari è infatti un ruolo di pubblica utilità, e come tale deve essere svolto con la precisa osservanza di dette regole.

L’inosservanza delle regole può arrecare disagio al cliente qualora Egli sia destinatario dell’esborso di maggiori somme non dovute.

Quando queste somme alla fine del trimestre ci sono state addebitate nel conto corrente aumentando in tal modo l’esposizione debitoria nei confronti dell’Istituto di Credito e nel trimestre successivo su queste somme sono stati conteggiati ulteriori interessi a debito ci troviamo di fronte all’applicazione dell’anatocismo bancario …. dal 01/01/2014 l'anatocismo bancario è fuorilegge.

Quando gli interessi e le spese addebitateci sistematicamente dall’Istituto di Credito superano percentualmente i limiti previsti e consentiti dalla legge allora ci troviamo in presenza di usura bancaria  …..  l'usura bancaria è espressamente vietata dalla legge 108/96.

SIAMO A TUA DISPOSIZIONE PER EFFETTUARE GRATUITAMENTE LA VERIFICA DEI TUOI RAPPORTI BANCARI E FINANZIARI ED ACCERTARE L'APPLICAZIONE O MENO DI ANATOCISMO BANCARIO E USURA BANCARIA.

SIAMO AL TUO FIANCO PER ATTIVARE LE PIU' OPPORTUNI AZIONI AL FINE DI TUTELARE I TUOI DIRITTI NEI CONFRONTI DELLE BANCHE E DELLE FINANZIARIE ….. DISONESTE.

 

4 risposte a Notizie sull’usura e sull’anatocismo

  • Vorrei proprio togliermi lo sfizio per vedere se la mia banca mi ha trattato bene oppure no

    Cosa devo fare ?

    Che documenti servono per fare una verifica ?

    Grazie

    • Per la verifica dei rapporti con la banca o la finanziaria occorrono i documenti che seguono:
      – contratto di conto corrente o di anticipazione o di finanziamento
      – copia degli estratti conto della banca
      – copia degli scalari interessi dei trimestri
      – copia degli addebiti degli interessi
      – copia del contratto di mutuo
      – copia del piano di ammortamento del mutuo
      – eventuali altri documenti vengono richiesti in sede di analisi

  • Vi chiedo alcune precisazioni.

    Ho lavorato con la stessa banca dal 1987 e ho conservato tutti gli estratti conto.

    Quali sono le reali possibilità di recupero degli interessi pagati in più? 

    Quanto costa ottenere il risarcimento?

    Quali sono i tempi necessari ?

    Rimango in attesa di vostra risposta e saluto.

    grazie

    • Buongiorno Moreno

      precisiamo di seguito le nostre considerazioni in merito alle sue domande:

      – sulla base delle esperienze finora acquisite possiamo affermare che il Tribunale di Padova – sezione civile – si è espresso in molte circostanze a favore del correntista/cliente; altri Tribunali, come per esempio Milano, disattendono i ricorsi dei correntisti asserendo che le

      banche, applicate le regole dettate dalla Banca d’Italia, abbiano agito correttamente.

      – La tempistica è variabile da un minimo di 18/24 mesi e fino a 48/72 mesi a seconda che la banca accetti o meno l’accordo transattivo alla chiusura delle operazioni peritali svolte del Consulente Tecnico d’Ufficio (CTU).

      – Il costo varia a seconda dell’entità delle somme da recuperare e delle annualità sulle quali effettuare le opportune verifiche; la perizia econometrica è il primo passo ed il costo varia da un minimo di €. 200,00 ad un massimo di €. 600,00. Seguono poi il diritto unificato e le marche da bollo da apporre al ricorso che variano in base all’entità della causa e al numero di pagine del ricorso. Per quanto concerne l’attività legale e la consulenza tecnica di parte, queste sono comparate all’entità delle somme restituite dalla banca e variano percentualmente in modo decrescente (maggiore è la somma recuperata, minore è la percentuale riconosciuta ai partners); in ogni caso se nulla è recuperato, nulla spetta ai partners.

      Rimaniamo a disposizione per ogni ulteriore delucidazione.

      Cordiali saluti

      La Direzione 

       

       

       

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *