Abbracciamo e diamo vita al concetto di comunità
Eventi
agosto: 2018
L M M G V S D
« Mag    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  
Seguici anche su
  • Facebook
  • Youtube
  • Twitter

Auto del futuro: ruote sferiche

di Jacopo Lazzaro

E se gli pneumatici delle auto elettriche del futuro fossero delle sfere?

Oggi le auto elettriche sono versioni elettrificate delle auto tradizionali a combustione interna, ma in realtà il passaggio all'energia elettrica potrebbe liberare il design dell'automobile da moltissimi vincoli. Per esempio la trasmissione delle forze all'interno di un motori elettrici avviene senza contatto fisico, per effetto dei campi magnetici. Così si può benissimo immaginare un'auto che levita su ruote sferiche grazie a un campo magnetico che agisce contemporaneamente da trasmissione, sospensioni, sterzo e freno. 

Ruote sferiche permetterebbero di spostarsi i tutte le direzioni: consentirebbero per esempio alle auto di parcheggiare lateralmente, di ruotare su se stesse, di gestire in moto diverso l'usura e le situazioni in cui la tenuta di strada è difficile.

Luca Crepaccioli, General Manager Goodyear Southern Europe, ci spiega il punto della situazione:

"Goodyear eagle 360 è una sfera, collegata al veicolo tramite levitazione magnetica, con all'interno uno strato diamagnetico che genera appunto un campo magnetico, caricato dal movimento dello pneumatico.
Non c'è sterzo, trasmissione, freno, e la tenuta cambia: spostandoci in tutte le direzioni la gestione dello spazio migliora, si addolciscono i movimenti e si migliora la sicurezza. La levitazione magnetica aumenterà il confort diminuendo le vibrazioni. Immaginiamo di stampare la mescola direttamente in 3d sopra il sopracitato strato diamegnetico, con particolari composizioni differetni in relazione al componente della gomma: le scanalature dello pneumatico avranno ad esempio un materiale particolare che, a contatto con l'acqua, restringerà dando più dolcezza alla mescola ed aumentando appunto la grandezza della scanalatura stessa, e che – al contrario – su terreno secco aumenterà di dimensione diminuendo, a sua volta, la scanalatura.
Perchè la stampa 3d? Facilita la sostituzione, e modifica mescola e design del battistrada in base allo stile di guida ed alle preferenze del pilota: ognuno potrà scegliere e stampare lo pneumatico che più si addice alle sue attitudini di guida.
E non servirà nemmeno più cambiare l'intero pneumatico, dato che basterà sfilare solo la mescola lasciando il medesimo corpo basale in sede."

Insomma… il futuro sta arrivando. Ce lo dimostra di giorno in giorno. Per chi non si accontenta infine della news, ecco il video ufficiale del concept di Goodyear.

Da Ascolto e Azione è tutto, attendeteci settimana prossima con altri interessanti articoli dal futuro.

Articolo tratto da Smart City, rubrica de Il Sole 24ore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *