Abbracciamo e diamo vita al concetto di comunità
Eventi
maggio: 2018
L M M G V S D
« Apr    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  
Seguici anche su
  • Facebook
  • Youtube
  • Twitter

AUMENTANO I MINIMALI RETRIBUTIVI INPS

L’INPS con la circolare n. 20/2014 comunica i nuovi limiti minimi di retribuzione giornaliera per il calcolo di tutte le contribuzioni dovute in materia di previdenza ed assistenza sociale 2014.

Dal mese di gennaio 2014 il minimale di retribuzione giornaliera è pari a 47,58 euro (pari al 9,5% del trattamento minimo mensile di pensione a carico del FPLD).

I MINIMALI

Per effetto della rivalutazione dell’indice ISTAT, pari all’1,1% per l’anno 2013:

  • i minimali di retribuzione oraria per i rapporti di lavoro a tempo parziale, a decorrere dall’1.1.1989, è pari a € 7,06 (€ 47,07 x 6 / 40).
  • i minimali di retribuzione giornaliera per le retribuzioni convenzionali in genere, di cui all’art. 1 del D.L. n. 402/1981, convertito in L. n. 537/1981, è pari a 26,44 euro.
  • la prima fascia di retribuzione pensionabile oltre la quale è dovuto il contributo dell’1% è stata aggiornata nel nuovo limite pari a € 46.031 (€ 3.836 mensili). 

I MASSIMALI

Il massimale annuo per il 2014 della base contributiva e pensionabile, per i nuovi iscritti dal 1° gennaio 1996 a forme pensionistiche obbligatorie e per coloro che optano per la pensione con il sistema contributivo, è pari a € 100.123,27.

E’ invariato il massimale giornaliero da prendere a riferimento ai fini del calcolo della contribuzione di malattia e maternità dei lavoratori dello spettacolo con contratto a tempo determinato, pari a € 67,14. 

ENPALS

I lavoratori dello spettacolo, vanno distinti fra:

  • lavoratori iscritti a forme pensionistiche obbligatorie dopo il 31.12.1995;
  • lavoratori già iscritti a forme pensionistiche obbligatorie al 31.12.1995.

Con riferimento ai primi, il massimale annuo 2014 è € 100.123,27;  il contributo di solidarietà, pari al 5% (ripartito equamente fra datore di lavoro e lavoratore), è dovuto per retribuzioni superiori al predetto importo. Per importi che vanno da € 46.031 sino ad € 100.123 è dovuto un 1% a titolo di aliquota aggiuntiva.

Per i lavoratori già iscritti a forme pensionistiche obbligatorie al 31.12.1995, il massimale di retribuzione giornaliera imponibile è pari ad € 729,90.